Scorte strategiche

Pflichtlager

Per la Svizzera, costituire scorte obbligatorie è una misura di capitale importanza data la sua dipendenza dalle importazioni. Se il mercato non riesce più a soddisfare la domanda di beni fondamentali a seguito di problemi di approvvigionamento, le scorte che vengono rese disponibili in caso di necessità costituiscono un prezioso strumento dell’approvvigionamento economico del Paese (AEP).

Attualità

Scorte obbligatorie fondamentali

La pandemia da coronavirus mette in luce molto chiaramente l'importanza per il nostro Paese di poter contare su scorte obbligatorie. Infatti, nonostante possano sempre verificarsi difficoltà legate all'approvvigionamento di agenti terapeutici, a causa della pandemia i problemi si sono moltiplicati. Nel 2020 è stato necessario ricorrere alle scorte obbligatorie 92 volte, soprattutto per gli antibiotici; a febbraio 2020 il Consiglio federale ha comprato le scorte di mascherine FFP2/3 e ha incaricato la farmacia dell'esercito di distribuirle ai Cantoni.

Tuttavia, nelle scorte obbligatorie non rientrano solo le mascherine e gli agenti terapeutici: oggi circa 300 aziende garantiscono l'approvvigionamento di prodotti di vario tipo, dai generi alimentari di base, a carburante e fertilizzanti. Al momento il valore complessivo delle scorte si aggira attorno ai 2,5 miliardi di franchi.

La Confederazione si occupa di stabilire quali sono i prodotti soggetti alla costituzione di scorte obbligatorie. Rispetto agli anni Novanta, oggi l'assortimento è molto cambiato e non include più prodotti come metalli, articoli tessili, saponi e detersivi. In compenso gli agenti terapeutici hanno guadagnato sempre maggiore importanza. Per quanto riguarda le economie domestiche private, la Confederazione consiglia di costituire scorte d'emergenza di generi alimentari e di acqua che possano coprire circa una settimana. Queste scorte dovrebbero includere anche medicamenti per uso personale, mascherine e contanti.

Giornale asmac febbraio 2021: Dalle scorte obbligatorie alla milza con funzione di deposito (in francese) (PDF, 505 kB, 25.02.2021)

(25.02.2021)

Le scorte obbligatorie si basano sulla cooperazione fra Stato e imprese. La composizione e il volume sono stabiliti dalla Confederazione, ma le scorte sono di proprietà delle imprese private che le costituiscono (circa 300 al 1° febbraio 2021).

Le imprese trasferiscono i costi delle scorte sui prezzi di vendita, e quindi sui consumatori. In media, ogni cittadino svizzero paga 12 franchi all’anno per l’AEP (importo al 1° febbraio 2021).

Ulteriori informazioni

Ultima modifica 25.02.2021

Inizio pagina

https://www.bwl.admin.ch/content/bwl/it/home/themen/pflichtlager.html